Introduzione

L’urologia si occupa di tutte quelle patologie che possono affliggere l’apparato urinario maschile e femminile. Cura e tratta problemi come l’incontinenza, o le infezioni e le calcolosi per esempio.

Di cosa si occupa l’urologia?

Come appena detto l’urologia si concentra sui problemi del sistema urinario di uomini e donne, ma non solo. Tratta anche i possibili fastidi che si possono presentare nell’apparato riproduttivo maschile. L’urologo deve diagnosticare e curare tutte quelle malattie che interessano questi organi. Può prescrivere cure farmacologiche o intervenire chirurgicamente, a seconda del caso.

Le parti del corpo che vengono tenute sotto controllo dall’urologo sono:
  • I reni. Questi organi si occupano di filtrare tutte quelle sostanze che vengono scartate dal sangue, e le espelle tramite le urine;
  • La vescica. Simile a un sacchetto, questo organo raccoglie l’urina (ricevuta dai reni), e le elimina dal corpo periodicamente;
  • Le ureteri. Sono dei tubicini, che collegano reni e vescica;
  • L’uretra. In questo tubicino l’urina compie il suo ultimo passaggio, prima di essere espulsa dal corpo.
  • Le ghiandole surrenali. Ovvero delle ghiandole (posizionate sopra ogni rene) che producono vari ormoni. I più importanti sono il cortisolo, l’adrenalina, e gli ormoni sessuali (sia maschili che femminili).
  • Il pene. Il pene è l’organo esterno maschile che veicola l’urina fuori dal corpo, e permette l’atto di riproduzione;
  • testicoli. Un doppio organo, posto all’interno dello scroto, che emette ormoni e spermatozoi;
  • La prostata.  Si tratta di una ghiandola, posizionata sotto la vescica, che produce liquido seminale. Questo liquido contiene gli spermatozoi.

Patologie e disfunzioni

Le patologie più comuni che tratta l’urologia ci sono quelle legate alle cistiti, all’incontinenza urinaria, ai calcoli renali, e alle disfunzioni sessuali maschili.

Nello specifico l’urologia cura:

  • Le infezioni alle vie urinarie. Questa patologia può colpire la vescica, i reni e l’uretra, e di solito è dovuta a batteri o funghi di vario genere. Si presenta con sintomi come il bruciore durante la minzione (il più comune), o anche solo durante il riempimento della vescica. Si ha perennemente la sensazione di dover urinare, e talvolta possono essere presenti dei dolori alla schiena. La cistite è una delle infezioni del caso più note, e colpisce molto di più le donne che gli uomini. Anche le donne in gravidanza sono soggette a sviluppare questo tipo di infezioni;
  • L’incontinenza urinaria. Si verifica quando il paziente lamenta continue perdite involontarie di urina. Una possibile causa può essere un’iperattività della vescica. Si manifesta specialmente nelle donno dopo aver partorito e negli anziani. Non è un problema grave, ma provante a livello psicologico;
  • L’ernia inguinale. In questo caso un pezzo dell’intestino si protende verso l’inguine, provocando un rigonfiamento allo scroto. Anche se non è molto doloroso, è bene rivolgersi subito a un urologo in quanto potrebbero insorgere delle complicazioni.